Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Erano stati beccati mentre effettuavano telefonate e videochiamate di gruppo mentre si trovavano agli arresti domiciliari. Così due esponenti del clan barese Parisi del quartiere Japigia sono stati condotti in carcere, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, al termine di un'indagine dei carabinieri. Si tratta di Radames Parisi (detto Mames, di 36 anni, cugino del boss Savinuccio) e di Antonio De Fano (36enne detto Ciccigomma). A entrambi vengono contestate le violazioni delle prescrizioni imposte a coloro che si trovano agli arresti domiciliari, ai quali erano finiti in seguito a due operazioni dell'ottobre e dicembre 2012. Nell'ambito delle stesse indagini, i carabinieri avevano accertato come anche altri quattro componenti del clan avessero violato gli obblighi di non comunicare con persone estranee al contesto familiare, trovandosi anch'essi ai domiciliari. Il 13 dicembre erano dunque già finiti in carcere Filippo Mineccia, 36enne, soprannominato "U'Russ"; Raffaele Addante, 45enne detto "Lello"; Francesco Triggiani, 44enne, "U'Alisc" e di Sebastiano Ruggieri 36enne, cognato di Domenico Milella, il boss pentito che da circa un anno sta collaborando con la giustizia.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy