Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

31 maggio 2012
Bari. I carabinieri del Ros di Bari e del Nucleo Investigativo di Foggia hanno notificato un ordine di custodia cautelare emesso dal Giudice del Tribunale di Bari su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, Enzo Miucci, ad uno degli esponenti di spicco della mafia del Gargano, quella dei Montanari, già detenuto nel carcere di Foggia dal 31 ottobre dello scorso anno, arrestato dopo più di un anno di latitanza. A lui vengono ora contestate anche le accuse di usura ed estorsione con l'aggravante di aver agito mentre era sottoposto a misure di sorveglianza speciale. Il giovane di Manfredonia (detto «ù creatur» perchè attivo all'interno del clan fin da adolescente) durante le latitanze prima e le catture dopo (26 settembre 2010 e 13 maggio 2011) sia del boss Franco Li Bergolis (detto «ù calcarul»), sia del braccio destro del boss, Giuseppe Pacilli (detto «Beppe ù montanar»), aveva preso il comando del clan che gestiva sia sul piano organizzativo (mantenendo i rapporti con la mafia foggiana), sia su quello economico sostenendo le famiglie del clan, soprattutto dal punto di vista legale, e garantendo ai boss latitanti tutti i confort possibili. «Una leadership, quella del Miucci, - si legge in una nota della Procura - che si era conquistato con una vita passata al fianco del boss Li Bergolis, suo parente, che lo aveva praticamente adottato di fatto all'età di nove anni, quando era rimasto orfano di padre, ucciso dal clan rivale Alfieri-Primosa nell'estate del 1993». La svolta nelle indagini è stata determinata da una coraggiosa denuncia di un commerciante del posto che dopo aver restituito il capitale e versato un'ingente somma a titolo di interessi usurai non riusciva a liberarsi delle ulteriori e continue richieste minacciose di Miucci, fino alla decisione di lasciare la cittadina garganica e di trasferire i suoi interessi familiari e commerciali in un'altra regione.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy