Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La polizia a Napoli ha eseguito un'ordinanza cautelare emessa dal gip partenopeo nei confronti di 5 indagati gravemente indiziati del reato di concorso in omicidio aggravato anche dal metodo mafioso e dall'agevolazione dell'organizzazione di appartenenza. Provvedimento restrittivo emesso dal gip dei minorenni anche per un sesto indagato, che non aveva ancora compiuto 18 anni all'epoca dei fatti. Vittima dell'agguato, l'11 ottobre 2009, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, Patrizio Reale, capo del clan omonimo che controllava il quartiere orientale della città, ucciso a 39 anni da sicari che hanno fatto irruzione nel locale al piano terra in cui viveva, hanno aperto il fuoco e lo hanno colpito alla testa, alla spalla, al torace e alla gamba. Reale morì al pronto soccorso dell'ospedale Loreto Mare.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy