Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La procura aveva chiesto dieci anni di reclusione per Carmine Antropoli, primario dell'ospedale napoletano Cardarelli ed ex sindaco del comune di Capua (Caserta), accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Oggi la Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere, presieduta da Roberto Donatiello, giudice a latere Alessandro De Santis lo ha assolto con formula piena dal reato più grave e condannato a un anno e otto mesi per violenza privata. Per Antropoli nel febbraio del 2019 gli inquirenti chiesero ed ottennero dal gip un'ordinanza di custodia cautelare. I giudici, accogliendo la tesi difensiva degli avvocati Mauro Iodice e Vincenzo Maiello, lo hanno assolto. Condannato il collaboratore di giustizia Francesco Zagaria, uno degli accusatori di Antropoli, che ha avuto una condanna a 17 anni e 3 mesi di reclusione per omicidio a fronte di una richiesta del pm di 8 anni. "Non ho mai perso fiducia nella giustizia. Finalmente la Corte di Assise mi ha restituito la dignità. Ringrazio i miei avvocati Iodice e Maiello per la vicinanza umana dimostratami in questa triste vicenda", dice Antropoli.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy