Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Tra Sant'Antonio Abate e Pompei, nel Napoletano, i carabinieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Napoli, nei confronti di due indagati, legati al clan Cesarano, attivo a Castellammare di Stabia, che devono rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo e dalla finalità camorristica. I due hanno vessato i titolari di un'importante società di raccolta rifiuti di Sant'Antonio Abate per un debito di 100.000 euro circa contratto nei confronti di altro imprenditore. Pur estranei alla compagine sociale dell'azienda creditrice, tra novembre e dicembre del 2020 si sarebbero adoperati per recuperare il corrispettivo economico di alcune forniture risalenti al 2017 e al 2018, imponendo, parallelamente alla riscossione del debito, anche la restituzione della merce giacente.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy