Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La terza sezione della Corte d'Appello ha decretato uno sconto di pena per Giuseppe Santoro, imprenditore 48enne di Casapesenna (Caserta) ritenuto vicino al clan dei Casalesi, fazione di Michele Zagaria.
Nello specifico la pena è stata ridimensionata da 7 anni e 8 mesi (inflitti in primo grado per associazione mafiosa e intestazione fittizia) a 4 anni e 8 mesi. I giudici hanno ritenuto il concorso esterno, escludendo l'aggravante del comma VI, quindi il reimpiego di capitali, e lo hanno assolto dal reato di intestazione fittizia.
L'uomo, difeso dall'avvocato Vittorio Giaquinto, è stato accusato di aver organizzato dei summit di Camorra nel suo locale, incontri dove i membri della cosca criminale si scambiavano pizzini e davano ordini all'esterno.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy