Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Spesso dei fenomeni criminali di grande rilievo e complessità è fornita una rappresentazione banalizzante e fuorviante. Una banalizzazione che riduce la questione criminale a una questione di ordine e sicurezza pubblica relegandola negli angusti confini della repressione, deresponsabilizzando il complesso delle politiche pubbliche che invece sono chiamate a fare da argine''. E' la denuncia del procuratore di Napoli, Giovanni Melillo, intervenuto ieri al convegno 'La città e la Camorra - Napoli e la questione criminalità” all'Università’ Federico II. Secondo Melillo utilizzare la dicitura 'infiltrazione mafiosa' è ''fuorviante perché non siamo in presenza di un'emergenza ma di connotazioni strutturali economiche e sociali di questa città della regione e di larga parte del territorio nazionale. La Camorra - ha aggiunto - agisce come formidabile settore di alimentazione finanziaria e di mediazione dell'ordinario sistema d'impresa''.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy