Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Estorsione aggravata dal metodo mafioso. I carabinieri hanno eseguito questa mattina undici fermi a Ponticelli, il quartiere napoletano dove da alcuni mesi si registra una esclation che ha portato a tre morti e all'esplosione di cinque bombe in tre mesi. Le estorsioni sono state compiute ai danni di una donna che gestiva una piazza di droga e a un parcheggiatore abusivo. Coinvolti i clan Minichini, De Luca Bossa e Casella, e in carcere sono finiti anche i boss Eduardo e Giuseppe Casella. L'accelerazione delle indagini e' stata determinata dal pericolo di fuga delle persone indiziate e per l'alto rischio di ritorsioni che alcuni dei personaggi coinvolti potevano subire nell'ambito della guerra di camorra tra il clan De Luca Bossa-Casella-Minichini, contro i De Martino-De Micco.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy