Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso, questa mattina, sono state arrestate a Pozzuoli e Giugliano due persone. Si tratta di D.S.R., 35 anni, ed S.L., 39 anni, già detenuto. Ad un altro soggetto, D.S.V.E., 28 anni, è stata notificata la misura del divieto di dimora in Campania.
La misura di custodia cautelare in carcere che è stata emessa dal gip di Napoli nei confronti di tre persone che le indagini dei carabinieri hanno dimostrato essere vicini al clan Longobardi-Beneduce, egemone in area flegrea. Le indagini sono partite da un controllo per la repressione di reati ambientali in un cantiere nautico di Licola di Pozzuoli. E' emerso come il titolare del cantiere, a dicembre 2020, a ridosso delle festività natalizie, avesse ricevuto una richiesta estorsiva di 2000 euro da destinare alle famiglie dei detenuti, a fronte della quale, per intimidazioni ricevute, aveva versato una prima rata da mille euro per ottenere in cambio la 'protezione' del sodalizio criminale. A chiedere il 'pizzo'e fare pressioni gli indagati, recandosi presso il rimessaggio o, talvolta, dando appuntamenti in altre zone di Licola, come per rimarcare l'area di influenza del gruppo.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy