Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Pretendevano soldi da un imprenditore di Cellole, nel Casertano, in nome della famiglia Zagaria di Casapesenna ma anche della 'ndrangheta, e lo hanno minacciato di morte. L'obiettivo era fagli pagare una somma di denaro come saldo di lavori edili effettuati da una ditta della provincia di Caserta in un capannone industriale destinato allo stoccaggio di rifiuti dell'imprenditore con una maggiorazione del 5% dell'importo dei lavori.
L'uomo è stato minacciato con armi anche perché non comprasse una società attiva nella raccolta e trasporto rifiuti speciali a Frosinone. Per questo sono stati arrestati Gianni Sicilia, 59 anni, e Luigi Del Villano, 49 anni, dopo una inchiesta dei carabinieri di Sessa Aurunca e una misura cautelare emessa dal gip di Napoli. Le indagini riguardano un arco di tempo che va da settembre a dicembre 2020 e sono state supportate da intercettazioni telefoniche ambientali e videoriprese. I due devono rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy