Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nel corso della mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura partenopea nei confronti di un 29enne domiciliato a Qualiano e un 34enne di Marano di Napoli, entrambi censurati e gravemente indiziati di "omicidio volontario", "porto e detenzione illegale di arma da fuoco" e "ricettazione", tutti reati aggravati dalle modalità e finalità mafiose.
L'indagine riguarda la morte di Pasquale Tortora, 54enne esponente apicale dell'omonimo clan, ucciso ad Acerra il 20 maggio scorso, ed e' stata complessa, anche con l'intervento del Ris di Roma. Visionate le immagini di decine di telecamere di videosorveglianza, sia pubbliche che private, e analizzato minuziosamente un imponente flusso telefonico, per il quale sono stati utilizzati avanzati software appositamente concepiti. Così si sono individuati i due come esecutori materiali dell'omicidio maturato negli ambienti camorristici locali, per cui sono tuttora in corso approfondimenti per delinearne i contorni. Per l'omicidio sono state utilizzate una pistola di grosso calibro, rubata anni prima nel Salernitano, gettata poco dopo l'azione di fuoco sotto un ponte tra Acerra e Pomigliano d'Arco, e un'auto sottratta in un paese del napoletano a dicembre 2019. Sia l'arma che la vettura sono state ritrovate dai militari dell'Arma nel corso delle indagini e il Ris di Roma ha condotto accertamenti scientifici, risultati poi determinanti per l'identificazione di uno degli indagati. Il 29enne qualianese, il 21 giugno scorso, era stato già arrestato dai militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, perché trovato in possesso di una pistola clandestina, diversa da quella usata per commettere l'omicidio.

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL TEMPO DELLE FARFALLE

IL TEMPO DELLE FARFALLE

by Julia Alvarez

...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...


MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...

MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...


IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...

OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy