Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Difesa annuncia ricorso in Cassazione
Napoli. La Corte di Appello di Napoli (presidente Romano, giudice a latere Taddeo) ha condannato all'ergastolo Marco Di Lauro con l'accusa di essere il mandante dell'agguato nel quale fu ucciso Attilio Romanò, il 24 gennaio del 2005, nel negozio nel quale vendeva telefonini perche' scambiato dai sicari per il nipote del boss scissionista Rosario Pariante. Presenti in aula, l'assessore comunale Alessandra Clemente, la madre di Attilio, la sorella Maria e il marito di quest'ultima. La difesa di Di Lauro, gli avvocati Pecoraro e Cola, hanno annunciato il ricorso in Cassazione.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy