9 maggio 2012
Napoli. Titolare di una ditta vincitrice di una gara d'appalto del Comune e vittima di richieste estorsive da parte di due affiliati al clan camorristico 'Ianuale'. Lui, però, denuncia tutto ai carabinieri e fa arrestare i due estorsori. È accaduto a Castello di Cisterna (Napoli). A finire in manette Raffaele Rescigno e Domenico Iovine, già noti alle forze dell'ordine e affiliati ai Ianuale, sodalizio criminalmente legato al clan Sarno di Ponticelli ed egemone nella zona di Castello di Cisterna, Brusciano e Mariglianella capeggiato da Vincenzo Ianuale, detto 'ò squadrone' attualmente detenuto in regime di 41 bis. I due sono stati bloccati su via Selva, nei pressi del cimitero, immediatamente dopo che avevano ottenuto 500 euro in denaro contante dall'imprenditore. In particolare i due da qualche giorno avevano avvicinato la vittima e con minacce gli avevano chiesto piccole somme in denaro contante. Ma l'uomo ha denunciato tutto ai carabinieri che si sono presentati all'appuntamento. Bloccati subito dopo aver ricevuto il pizzo, i due sono stati sottoposti a perquisizione personale sul posto e sono stati trovati in possesso dei 500 euro che avevano estorto all'imprenditore, banconote da 50 euro che erano state preventivamente segnate prima della consegna.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy