Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

22 aprile 2012
Napoli. Restituita la mano d'oro che era stata rubata giovedì scorso sulla tomba a Casal di Principe di don Giuseppe Diana, il sacerdote ucciso dai casalesi il 19 marzo del 1994. Questa mattina intorno alle 7 è stata rinvenuta dal custode all'apertura del cimitero. Il medaglione di circa 7 centimetri con una mano raffigurata sopra, è stato fatto trovare a terra, all'interno dell'ingresso pedonale del cimitero, fatto che fa presupporre agli investigatori che sia stata lanciata dall'esterno del cancello. La targa, simbolo della libertà e della pace, fu deposta da don Luigi Ciotti in occasione del 17esimo anniversario dell'uccisione di don Giuseppe Diana sulla tomba del sacerdote. Sul caso sono in corso indagini dei carabinieri di Casal di Principe.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy