Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

10 aprile 2012
Roma. I carabinieri di Caserta stanno eseguendo una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 8 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dell'omicidio di Antonio Salzillo e Clemente Prisco, avvenuto a Cancello ed Arnone, nel casertano, il 6 marzo 2009. Tra gli arrestati, anche il figlio di Francesco Schiavone, detto 'Sandokan', boss dei Casalesi. Gli investigatori, coordinati dalla Dda di Napoli, ritengono che l'omicidio sia avvenuto nell'ambito di una guerra di camorra interna al clan. Secondo gli investigatori, Antonio Sarzillo, principale obiettivo del duplice omicidio, sarebbe stato così 'punito' per riaffermare la leadership del gruppo Schiavone nelle zone assoggettate al proprio controllo, ma soprattutto per aver disprezzato l'uomo simbolo dei Casalesi 'vincenti': Francesco Schiavone 'Sandokan'. Il figlio maggiore di quest'ultimo sarebbe infatti tra gli organizzatori dell'agguato. Antonio Salzillo, nipote dell'ex capo dei Casalesi Antonio Bardellino, assassinato in Brasile nel maggio del 1988, era tornato a vivere nel casertano dopo anni di 'esiliò e aveva avviato un'attività commerciale, vendendo autovetture usate, senza l'autorizzazione del clan.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy