Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

21 febbraio 2012
Napoli. Si è concluso con 20 condanne il processo 'Normandià che vedeva imputati imprenditori, colletti bianchi, politici ed esponenti del clan dei casalesi; il gup Paola Russo, in particolare, ha inflitto nove anni e quattro mesi di reclusione all'ex consigliere regionale dell'Udeur Nicola Ferraro, accusato di essere l'interfaccia tra la criminalità organizzata e gli imprenditori; sette anni e sei mesi al fratello Luigi, dieci anni a Nicola Schiavone, nipote del boss Francesco, noto come 'Sandokan', accusato di essere preposto alla gestione degli affari del clan nel settore degli appalti pubblici. Per i due Ferraro, il pm Antonello Ardituro, titolare dell'inchiesta assieme al collega Marco Del Gaudio, aveva chiesto rispettivamente 14 e 10 anni; 14 la richiesta anche per Schiavone. Soddisfazione è stata espressa da Ardituro, per il quale «dopo quella del processo Spartacus, la sentenza di oggi è la più importante per il territorio di Caserta, perchè fa luce sugli intrecci tra camorra, politica, imprenditoria, appalti e illeciti nel settore dei rifiuti». Ferraro è stato condannato anche per il reato di turbativa d'asta relativo all'appalto per le centraline per il controllo della qualità dell'aria a Caserta, reato di cui era accusato in concorso con i prefetti Paolino Maddaloni e Maria Elena Stasi. Questi ultimi hanno chiesto il processo con rito immediato, che Š in corso a Santa Maria Capua Vetere.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy