Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

31 gennaio 2012
Napoli. La Squadra Mobile di Caserta è impegnata in una vasta operazione di polizia anticamorra, finalizzata all'esecuzione di quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere e di numerose perquisizioni nei confronti dei vertici del clan Menditti, attivo nel comprensorio di Caserta, Marcianise (Caserta) e l'intera area metropolitana contigua al capoluogo, alleato dei Belforte di Marcianise. Le indagini della Polizia di Stato, coordinate dalla Procura Antimafia di Napoli, che avevano portato già lo scorso dicembre all'esecuzione di altre 11 misure restrittive nei confronti dei vertici dello stesso clan, hanno svelato la prepotente ascesa dei «Menditti», favorito dal progressivo indebolimento del clan Belforte, detti «I Mazzacane» di Marcianise (CE), scompaginato a seguito dell'arresto dei suoi capi storici e dalla scelta di collaborare con la giustizia di alcuni esponenti di spicco dell'organizzazione, ma protagonista negli anni 90' di una sanguinosa faida con l'opposto clan «Piccolo». Le prolungate indagini hanno accertato il coinvolgimento dei destinatari delle misure cautelari, in diffuse attività estorsive, in danno di imprenditori edili e del settore del noleggio videogiochi, particolarmente remunerativi.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy