Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

27 gennaio 2012
Napoli. Si è concluso con 30 condanne il processo con rito abbreviato per esponenti di camorra e mafia alleati per il controllo dei mercati ortofrutticoli in varie regioni italiane. Il gup Antonio Cairo ha inflitto in particolare 14 anni di reclusione al boss Costantino Pagano, titolare di un'importante azienda di trasporti su gomma accusato di associazione camorristica, concorrenza illecita, armi ed intestazione fittizia di beni. Condannati a tre anni per il solo reato di concorrenza illecita aggravata dal metodo mafioso i fratelli Antonio e Massimo Antonino Sfraga, ritenuti legati al boss latitante Matteo Messina Denaro, ai quali proprio stamattina è stata notificata una nuova ordinanza di custodia cautelare dopo che quella precedente era stata annullata dal Riesame perchè il gip avrebbe usato il 'copia e incollà della richiesta della Procura per emettere il provvedimento. Il gup ha anche disposto la confisca di numerosi beni, tra cui la società di Pagano, che si chiama 'La Paganese Trasportì.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy