Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

15 gennaio 2012
Napoli. I Carabinieri del nucleo Investigativo di Napoli hanno catturato a Brugine (Padova) il latitante Nicola Imbriani, 56 anni, di Quarto Flegreo (Napoli), ritenuto esponente di spicco del clan camorristico dei 'Polverino' operante nell'hinterland a nord di Napoli e in varie zone d'Italia e in Spagna. Imbriani era riuscito a sfuggire alla cattura durante un blitz dei militari che il 3 maggio 2011 aveva portato in carcere 40 affiliati accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni, usura, traffico e spaccio di stupefacenti, trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori, reinvestimento di capitali in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali. Il blitz era scattato dopo un'indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli dal 2007 a oggi anche in cooperazione con l'Unidad Central Operativa della Guardia Civil spagnola, che ha portato anche al sequestro di beni per oltre un miliardo di euro. L'uomo è considerato il braccio destro del capo clan Giuseppe Polverino, anch'egli latitante, e si occupava delle attività imprenditoriali del clan reinvestendo nell'edilizia privata i proventi delle attività criminali. Due persone che ne stavano favorendo la latitanza sono state arrestate, una gli stava dando ospitalità nella sua casa a Brugine e l'altra lo seguiva passo passo aiutandolo negli spostamenti.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy