Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

1° dicembre 2011
Napoli. Il clan dei casalesi progettava attentati contro rappresentanti delle istituzioni, in particolare magistrati e un ufficiale dei carabinieri. Gli attentati, poi mai avvenuti anche perchè il boss Giuseppe Setola fu arrestato, avrebbero dovuto rappresentare una ritorsione contro gli arresti e i sequestri attuati nei confronti degli affiliati. Lo racconta il collaboratore di giustizia Nicola Cangiano, che parla di «propositi omicidiari» da parte di Setola «nei confronti del dott. Sirignano, del Dott. Maresca, del colonnello Fabio Cagnazzo, del dott. Roberti Franco ma anche genericamente nei confronti di qualunque pubblico ministero che in quel periodo lo colpiva come ad esempio il dott. Milita». «Le devo rappresentare - aggiunge Cangiano - come che Setola è un vero e proprio sanguinario. Le azioni omicidiarie in genere venivano eseguite improvvisamente o comunque lui ordinava di partire per andare a compiere omicidi ed attentati anche all'improvviso. Avevamo quindi alcuni obiettivi programmati e, comunque, poichè viaggiavamo sempre armati, se avessimo incrociato uno dei soggetti che lui aveva indicato come da eliminare avremmo sicuramente sparato. Spesso ad esempio nei viaggi al Vomero (dove il killer trascorse una parte della latitanza, ndr) lui si rammaricava di non incontrare qualche vostra autovettura così almeno avrebbe dato un altro segnale». Ma l'attentato ai magistrati non era solo l'idea di un killer folle: il progetto era condiviso dai vertici del clan dei casalesi. Cangiano infatti racconta di una riunione cui presero parte Setola, Antonio Iovine (a sua volta arrestato di lì a poco) e Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco: «L'incontro di Setola con Iovine Antonio e Schiavone Nicola da cui era uscito anche riportando il loro appoggio, aveva reso, come già detto, Setola ancora più forte e deciso nell'attuare la sua strategia anche alzando il tiro nei confronti di rappresentanti delle istituzioni. Peraltro, quella stessa sera andai su suo incarico a San Cipriano d'Aversa a prendere un Kalashnikov».

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy