Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

22 novembre 2011
Napoli. Antonio Picciulli di 30 anni è stato arrestato dalla polizia in base ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice delle indagini preliminari presso il tribunale di Napoli con l'accusa di avere ucciso il 16 novembre del 2005 Antimo Bruno Flagiello. L'omicidio avvenne in via Sant'Anna a Sant'Antimo, nel napoletano, uno dei comuni dove la camorra è molto potente. Flagiello fu ucciso con sei colpi di pistola. Era il genero di Antonio Verde detto 'Capuzzellà ('Piccola testà) ritenuto esponente di rilievo dell'omonimo clan attivo a Sant'Antimo. Lo stesso Flagiello era ritenuto affiliato alla stessa cosca. Le indagini che hanno portato all'arresto di Picciulli sono state coordinate dai pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che hanno avuto la collaborazione di alcuni pentiti, Giannantonio Masella, Giuseppe Storace e Salvatore Tixson.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy