Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

17 novembre 2011
Napoli. I clan camorristici di Acerra progettavano un attentato contro il pm della Dda Vincenzo D'Onofrio, ritenuto troppo duro nei loro confronti, e contro un maresciallo dei carabinieri. Lo rivela il collaboratore di giustizia Pasquale Di Fiore, ex esponente della cosca omonima. Per uccidere il pm si pensava di usare un bazooka contro la sua auto blindata; per eliminare il maresciallo, invece, si era pensato a un falso incidente stradale con un'auto pirata. Degli attentati, rivela Di Fiore, si discusse tra la fine del 2009 e gli inizi del 2010 nel carcere di Secondigliano, dove in quel periodo erano detenuti gli affiliati a diversi clan acerrani. Fu il boss Giuseppe Di Iorio, racconta il pentito in un verbale del 26 ottobre scorso, a proporre «un'offensiva» contro i carabinieri di Castello di Cisterna, che riteneva ce l'avessero con lui; obiettivo era in particolare un maresciallo che aveva partecipato al suo arresto. Il boss, racconta il collaboratore di giustizia, intendeva dare in questo modo una lezione ai marescialli «esaltati di testa» affinch‚ «si calmassero». Di Iorio detestava però in modo particolare il pm Vincenzo D'Onofrio, che all'interno della Dda indaga sulle attività dei clan di Acerra e di altri Comuni del Vesuviano. Al magistrato, il boss contestava «un particolare accanimento, da distruzione di massa» nei confronti dei clan, sia durante le indagini sia nei processi. «Ognuno di noi - afferma Pasquale Di Fiore - aveva episodi avvenuti in udienza nei quali D'Onofrio aveva dimostrato durezza». Per uccidere il magistrato (del quale Di Iorio aveva saputo che si spostava su una Bmw grigia blindata) era stato deciso di entrare in azione con il bazooka nei pressi della rampa che dal centro direzionale, dove hanno sede Procura e Tribunale, conduce ai Comuni vesuviani, in uno dei quali il pm risiede. Il boss, riferisce ancora il collaboratore di giustizia, riteneva che sarebbe stato impossibile individuare i responsabili dell'attentato dal momento che D'Onofrio è impegnato in numerosi processi contro clan camorristici diversi. Il progetto, afferma ancora Di Fiore, non andò in porto perch‚ prevalse la linea più prudente di altri camorristi, ma anche perch‚ Di Iorio, che confidava in una imminente scarcerazione, fu raggiunto da un altro provvedimento restrittivo e rimase in cella.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy