Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

 

30 ottobre 2011
Napoli.
 I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, coadiuvati nella fase esecutiva da colleghi del Reparto anticrimine di Napoli, hanno arrestato a Boscoreale il latitante Carmine Izzo, soprannominato 'Carmine 'o piccolino', di 40 anni, ritenuto un elemento di spicco del clan camorristico Aquino-Annunziata attivo a Boscoreale e nei comuni vicini. L'arresto è avvenuto dopo lunghe ricerche attuate con servizi d'osservazione, controllo e pedinamento. Dopo una condanna definitiva a 30 anni di reclusione per omicidio, soppressione di cadavere, traffico internazionale di stupefacenti e detenzione illegale d'armi, emessa dalla Corte d'Assise d'appello di Salerno nel maggio 2009, l'uomo, dichiarato sofferente di 'psicosi delirante cronica' e di 'psicosi schizofrenica', era evaso con l'aiuto di due fratelli il 23 luglio scorso dalla clinica Villa Elisa di Casamarciano dove era stato sottoposto alla detenzione. Al momento della cattura, ha dimostrato non comune perizia alla guida e freddezza e lucidità fuggire quando i carabinieri si sono avvicinati per arrestarlo. A bordo di una Ford Fiesta ha effettuato un testa coda, tamponando un'auto dei carabinieri che che lo stava per bloccare, cercando di far perdere il controllo all' autista della macchina inseguitrice. Nonostante il tentativo di fuga, l'uomo è stato però bloccato ed arrestato.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy