Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri del nucleo investigativo di Torino, dopo due anni d'indagini, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Giuseppe Ursino, nipote dello storico boss della 'Ndrangheta in Piemonte Rocco Lo Presti, noto come 'Roccu u Maneja' (morto nel 2009). L'accusa è di tentata estorsione, pluriaggravata dal metodo mafioso. Secondo gli inquirenti Ursino, considerato un esponente della mafia calabrese legato alla cosca dei Crea, attraverso un complice, Ugo Sentini, anche lui arrestato dai militari dell'Arma, avrebbe tentato, mediante minacce e intimidazioni, di riottenere la gestione dell'ex ristorante di Alpignano (Torino) 'Lettera 22', che era stato confiscato ad Ursino in quanto faceva parte di una rete di attività economiche usate dalla criminalità organizzata per il riciclaggio del denaro e per sostenere le cosche. Proprietaria di 'Lettera 22' era diventata un'associazione.

Fonte: Ansa

Foto: it.depositphotos.com

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy