Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Antonio Campisi, di 31 anni e Rocco Molè, di 26 sono stati arrestati dalla Squadra mobile di Vibo Valentia in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catanzaro per tentato omicidio, aggravato dalla finalità mafiosa.

Secondo gli inquirenti i due arrestati avrebbero una relazione con il tentato omicidio di Domenic Signoretta, avvenuto a Nao di Ionadi, nel Vibonese nel maggio 2019, mentre lo stesso si trovava all'esterno dell'abitazione in cui soggiornava sottoposto ai domiciliari. L'uomo è considerato dagli investigatori l'armiere del clan Mancuso di Limbadi e vicino al boss Pantaleone alias "L'ingegnere". Grazie alle indagini si è constatato che l'agguato sarebbe stato compiuto nel contesto di scontri per gli equilibri tra cosche di 'Ndrangheta.

L'ordinanza emenda dal gip di Catanzaro era stata emessa dopo il fermo di un altro indiziato per lo stesso delitto: Antonio Campisi, di 32 anni localizzato ad Ardore Marina (Reggio Calabria).

Fonte: ANSA

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: latitante legato alla cosca Mancuso arrestato nel reggino

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy