Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte d'Appello di Bologna ha accolto l'istanza di sostituzione del giudice Giovanni Ghini, presidente del collegio del Tribunale di Reggio nel processo 'Grimilde' - in corso a Reggio Emilia che vede imputati, tra gli altri, Francesco Grande Aracri Paolo Grande Aracri - presentata dalla Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Bologna. Le motivazioni della Corte sono legate dal fatto che in alcuni procedimenti precedenti il giudice oggetto dell'istanza di ricusazione ha negato “specificamente il fatto storico dell'esistenza di quella 'Ndrangheta poiché strutturalmente non radicabile in autonomia sul territorio di Reggio Emilia”, questo fatto - si evidenzia - “anticipa, sia pure incidentalmente, il giudizio sulla possibile appartenenza a detta associazione dei soggetti imputati per il reato di cui all'articolo 41 bis c.p. nel processo 'Grimilde' non potendo neppure prospettarsi la responsabilità di un soggetto per la sua adesione ad una struttura associativa ritenuta ab origine inesistente". Inoltre, viene aggiunto, "l'anticipazione del giudizio nel diverso procedimento pregiudica l'imparzialità del giudice, chiamato a decidere sulle posizioni di imputati accusati del medesimo reato associativo, con la precisazione che anche solo l'apparenza di imparzialità è oggetto della salvaguardia predisposta dagli istituti dell'astensione e della ricusazione". A giudizio della Corte d'Appello bolognese, "nel caso concreto il mancato esercizio del dovere di astensione per gravi ragioni di convenienza. Legittima la ricusazione del giudice che nell'ambito di diverso procedimento, conclusosi con la citata sentenza assolutoria, ha espresso una valutazione sull'insussistenza della fattispecie concreta in termini tali da anticipare un giudizio sulla posizione degli imputati chiamati a rispondere della medesima imputazione”.

Fonte: Ansa

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy