Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lascia il carcere per l'obbligo di dimora nel comune di Latina, con la prescrizione di non allontanarsi dal proprio domicilio dalle ore 21 alle ore 7, Francesco La Rosa, 50 anni, ritenuto il boss della 'Ndrangheta di Tropea. La decisione è del Tribunale collegiale di Vibo Valentia dinanzi al quale Francesco La Rosa è imputato nel maxiprocesso "Rinascita Scott". A seguito delle relazioni sanitarie provenienti dal carcere di Siracusa, i giudici avevano disposto un accertamento peritale. Il perito ha attestato la compatibilità carceraria, ma al contempo ha ravvisato la necessità che La Rosa venisse trasferito in una struttura penitenziaria vocata al confronto con le problematiche psichiatriche e tossicologiche. Non avendo il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (D.A.P.) individuato una struttura idonea ad assicurare a La Rosa il trattamento indicato, il Tribunale di Vibo ha accolto l'istanza difensiva della scarcerazione disponendo per Francesco La Rosa (che era detenuto dal 19 dicembre 2019) l'obbligo di dimora nel comune di Latina. Nel maxiprocesso Rinascita Scott è imputato per i reati di associazione mafiosa e violenza privata aggravata dalle modalità mafiose.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy