Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria ha chiesto il rinvio a giudizio per i 13 indagati dell'inchiesta 'Pensierino' che aveva portato, lo scorso aprile, all'arresto per due tentate estorsioni di tre persone ritenute affiliate alle cosche Libri e Morabito. Il procuratore Giovanni Bombardieri e il sostituto della Dda Sara Amerio hanno chiesto il processo, tra gli altri, per Antonio Riccardo, Artuso Vincenzo Serafino e Bruno Scordo. La tentata estorsione, stando alle indagini condotte dalla Guardia di finanza, si sarebbe consumata in due distinte occasioni, nella zona di Mosorrofa e Terreti. E' stato chiesto il processo anche per i titolari della ditta che ha subito la tentata estorsione, Francesco Benedetto e Caterina Tripodo. Entrambi sono accusati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e frode nelle pubbliche forniture. La Procura, infine, ha chiesto il rinvio a giudizio anche per un brigadiere della Guardia di finanza che, su richiesta di un'altra indagata, per l'accusa, "materialmente accedeva con le proprie credenziali e dalla propria postazione allo Sdi per verificare i precedenti penali e di polizia a carico" di un soggetto gravato da rilevanti pregiudizi penali.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy