Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Due persone ricercate nell'ambito dell'operazione "Imponimento", condotta nell'agosto 2020 contro la cosca "Anello-Fruci", operativa nelle province di Vibo Valentia e Catanzaro, con base logistica a Filadelfia e ramificazioni all'estero, sono state arrestate in Svizzera dalla Guardia di Finanza. Le indagini, coordinate dalla Dda di Catanzaro, e condotte dai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Finanza di Catanzaro e dello Scico di Roma, avevano portato, in una prima fase, al fermo di 74 indagati e successivamente alla ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 75 indagati. Per i due l'ordinanza non era stata eseguita perché residenti in Svizzera. Per tale motivo, la Dda ha avviato le iniziative finalizzate all'arresto. Nel corso dei mesi sono stati mantenuti contatti con le autorità Svizzere, tramite gli investigatori del Gico del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Finanza e del personale della Polizia Federale (Polfed). Martedì scorso, quindi, è stato eseguito l'arresto, ai fini dell'estradizione verso l'Italia, dei due indagati, con il coordinamento in Svizzera dall'Ufficio Federale di Giustizia e dalla Polfed con il supporto delle polizie dei Cantoni del Ticino e di Argovia, in raccordo con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, nell'ambito del più ampio Progetto I-CAN (Interpol Cooperation Against 'Ndrangheta) promosso dall'Italia insieme al Segretariato Generale dell'Oipc Interpol di Lione, e con la Guardia di Finanza. 
Nello specifico raggiunti dall'ordinanza sono Fiore Francesco Masdea e Giuseppe Costantino. Il primo è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori e ritenuto tra i soggetti di riferimento dell'organizzazione in terra elvetica, nonché prestanome del boss della cosca in una iniziativa imprenditoriale che si sarebbe dovuta impiantare a Filadelfia, nel vibonese. Il secondo, trasferitosi dal 2018 a Spreitenbach (Cantone Argovia), è indagato per associazione finalizzata al traffico di droga. Intanto, per 147 coinvolte in "Imponimento", è stato chiesto il rinvio a giudizio ed è in corso l'udienza preliminare.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy