Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La prima sezione penale della Corte d'Appello di Catanzaro ha emesso due ordinanze di scarcerazione nei confronti di Vincenzo Torcasio e Angelo Anzalone, coinvolti nel procedimento "Andromeda", istruito dalla Dda di Catanzaro contro le cosche Iannazzo-Cannizzaro-Daponte di Lamezia Terme. Nel processo di primo grado, con rito abbreviato, Torcasio e Anzalone erano stati condannati rispettivamente a 30 anni e all'ergastolo con l'accusa di associazione mafiosa e omicidio di Antonio Torcasio, avvenuto nel maggio 2003 davanti al commissariato di Lamezia Terme. Nel processo d'Appello era stato confermato l'ergastolo per Anzalone e ridotta a 16 anni la pena per Torcasio. A ottobre 2020 la seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato la condanna per entrambi per il solo reato di omicidio, confermando l'associazione mafiosa. E' previsto, dunque, un nuovo processo d'appello che avrà inizio il 31 maggio prossimo. In attesa della nuova pronuncia, per Torcasio, difeso dagli avvocati Francesco Gambardella e Antonio Larussa e Anzalone, difeso dall'avvocato Antonio Larussa, è stata revocata la misura della custodia cautelare.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy