Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri del reparto Anticrimine di Catanzaro, del Nucleo investigativo e dello Squadrone eliportato “Cacciatori Calabria” hanno arrestato a Monasterace Cosmo Leotta, 61 anni, elemento di spicco della cosca Gallace di Guardavalle. La condanna è scaturita dall’indagine “Appia” condotta, tra fine anni '90 e anni 2003-04, dai Carabinieri del Ros riguardante la presenza di elementi della 'Ndrangheta calabrese, riconducibili ai Gallace, radicati tra i comuni romani di Anzio e Nettuno.
La condanna è scaturita dall’indagine “Appia” condotta, tra fine anni ’90 e anni 2003-04, dai Carabinieri del Ros e riguardante la presenza di elementi organici alla ‘Ndrangheta calabrese, riconducibili ai Gallace, radicatisi tra i comuni romani di Anzio e Nettuno. Leotta si trovava all’interno di una abitazione in uso a una donna extracomunitaria, che è stata denunciata a piede libero per il reato di favoreggiamento personale.
Leotta è ricercato dal 25 novembre 2020 ed è gravato da un ordine di carcerazione per esecuzione della pena di 10 anni di reclusione per il reato di associazione di tipo mafioso.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy