Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nella giornata odierna gli agenti del Commissariato di Polizia di Gioia Tauro hanno notificato a 23 indagati l'avviso di conclusione indagini preliminari emesso dalla Procura della Repubblica, Direzione distrettuale antimafia, di Reggio Calabria diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri nell'ambito dell'operazione "Joy's Seaside", eseguita lo scorso 25 marzo con 19 misure cautelari. L'operazione era scattata al termine delle indagini condotte dalla sezione investigativa del Commissariato di Gioia Tauro e dalla squadra mobile della Questura di Reggio Calabria, avviate nel 2017 e concluse nel 2020, coordinate dal procuratore aggiunto Gaetano Paci e dal sostituto Giulia Pantano. I reati contestati sono a vario titolo associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico internazionale, concorso in detenzione, vendita e cessione a terzi di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e cannabis sativa, detenzione illecita di armi e munizioni, danneggiamento mediante incendio, estorsione, furto aggravato e riciclaggio. Ai 19 destinatari di misura cautelare si aggiungono oggi altri 4 indagati ricompresi nell'avviso di conclusione indagini.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy