Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sceglie la via del silenzio Domenico Camillò, 80 anni, di Vibo Valentia, indicato quale capo della 'ndrina dei Pardea, detti "Ranisi" e imputato nel maxiprocesso Rinascita-Scott. L'uomo ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere.
Dopo l'avvio della collaborazione con la giustizia del figlio Michele, iniziata il 4 agosto 2020, Domenico Camillò aveva rilasciato una serie di dichiarazioni alla Dda di Catanzaro, manifestando propositi di pentimento. Un pentimento a metà, perà, tanto da non essere ammesso nel programma di protezione in quanto la Dda ha ritenuto i suoi racconti generici e in contrasto con altre risultanze investigative. Nei suoi confronti, la Dda di Catanzaro ha già chiesto una condanna a 20 anni di reclusione nel troncone del processo Rinascita Scott che si sta celebrando con il rito abbreviato dinanzi al gup distrettuale Claudio Paris. Il maxiprocesso - che si sta celebrando dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia nell'aula bunker realizzata nell'area industriale di Lamezia Terme - riprenderà giovedì con l'esame e il controesame del collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso.

Foto © ACFB

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy