Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Fratello, decisione Libera provocato in me speranza

VIBO VALENTIA. "Il 21 marzo il nome di Maria Chindamo (in foto) si trasformerà da memoria individuale a Memoria Collettiva e sarà letto insieme a quello di tutte le altre vittime innocenti delle mafie, in tanti luoghi dell'Italia e del Mondo". Ad affermarlo è Vincenzo Chindamo, fratello della donna della quale, dal 6 maggio del 2016, non si hanno più notizie, e sulla cui scomparsa la Dda di Catanzaro sta indagando per omicidio, occultamento e distruzione di cadavere. L'imprenditrice 44enne, originaria di Laureana di Borrello, sparì mentre era appena arrivata davanti la sua azienda agricola a Limbadi, nel Vibonese. "Il messaggio di don Ennio Stamile e la telefonata di Daniela Marcone che mi hanno annunciato questa notizia - ha aggiunto Chindamo - hanno fatto risuonare in me note di rabbia dolore tristezza ma soprattutto di gioia, speranza e amore. Libera ha deciso ufficialmente di legare i suoi colori di Memoria e Impegno a quelli della vita bella e coraggiosa di Maria che qualcuno a voluto stroncare. Da oggi, La Memoria di Maria non è un 'ricordino' ma ancor di più diventata impegno, azione, energia e movimento".

ANSA

Foto tratta da La Stampa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy