Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha rigettato l'istanza presentata dagli avvocati di Domenico Scozzafava di annullare l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip il 17 novembre scorso. Resta, dunque, in carcere Domenico Scozzafava, 39 anni, considerato, nell'ambito dell'inchiesta antimafia "Farmabusiness" il ponte di collegamento tra la famiglia di 'Ndrangheta Grande Aracri e il mondo politico, rappresentato in particolare dall'ex presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini, di Forza Italia. Secondo l'accusa, Scozzafava manteneva rapporti diretti con i vertici della cosca, in particolare per la creazione di un consorzio per la distribuzione di prodotti farmaceutici. Scozzafava è accusato di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, tentata estorsione aggravata, detenzione e trasporto di due bottiglie molotov e ricettazione.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy