Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Due giorni fa era stato trovato morto nella sua casa a Sassuola, nel biellese. Oggi la Procura di Biella ha disposto l'autopsia sul corpo di Simone Canale. L'incarico sarà affidato giovedì. Da quanto si è appreso l'uomo, da qualche tempo, si sentiva minacciato e ne avrebbe parlato con il suo avvocato, Maria Claudia Conidi del foro di Catanzaro, in quanto testimone di un processo in cui avrebbe dovuto presenziare il prossimo gennaio. Inizialmente l'autopsia era stata negata ai familiari. Il referto del medico legale parla di arresto cardiocircolatorio. L'uomo, 40 anni, dopo essere finito in carcere per truffa aveva conosciuto Antonino Pelle, uno degli uomini di punta della cosca Alvaro, di cui era diventato il braccio destro. In almeno due due casi la sua testimonianza, rilasciata al sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Giulia Pantano, sarebbe stata fondamentale per gli inquirenti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy