Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L'avvocato penalista ed ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta "Rinascita-Scott" condotta dalla Dda di Catanzaro contro le cosche di 'Ndrangheta del Vibonese, resta in carcere. Ancora una volta il giudice per le indagini preliminari ha rigettato l'istanza presentata dai difensori dell'indagato, gli avvocati Guido Contestabile e Salvatore Staiano, che chiedevano una misura meno afflittiva rispetto al carcere. Si tratta della terza istanza che viene rigettata dal gip distrettuale riguardo alla misura cautelare dell'avvocato Pittelli che da sette mesi si trova ristretto nel carcere di Nuoro. Già lo scorso 7 luglio il gip si era espresso negativamente alle richieste dei difensori presentate all'indomani della pronuncia della Cassazione che il 26 giugno, pur respingendo la scarcerazione, ha annullato senza rinvio due capi di imputazione relativi alla violazione del segreto d'ufficio. Resta in piedi, per gli ermellini, il concorso esterno, mitigato dal gravame di avere agito in nome e per conto del boss Luigi Mancuso, considerato al vertice di tutta la 'Ndrangheta vibonese. Pittelli, secondo gli ermellini, avrebbe contribuito alla promozione e al rafforzamento della consorteria in generale.

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy