Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Reggio Calabria. Il Tribunale del Riesame di Trento ha annullato interamente l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Trento nei confronti di Francesco e Giuseppe Perre, padre e figlio, di Platì. I due sono stati coinvolti nell'operazione "Freeland", coordinata dalla Dda di Trento, che ha svelato l'esistenza di una 'ndrina, collegata direttamente alle principali cosche calabresi di Platì, Natile e Delianuova, diretta emanazione del clan Italiano-Papalia. Francesco e Giuseppe Perre erano accusati di associazione mafiosa e di alcuni traffici di sostanza stupefacente. Accogliendo la tesi dei difensori, gli avvocati Federica Potronieri e Pier Paolo Emanuele, il Riesame ha annullato integralmente l'ordinanza del gip con l'immediata liberazione dei due.

AGI

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Centro Studi Pio La Torre
  • Nucleare
  • San Patrignano
  • Scorie Nucleari
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy