Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Condannato solo per concorso esterno, assolto da estorsione
Reggio Calabria. E' stata ridotta a sette anni la condanna a 17 anni di reclusione inflitta in primo grado a Gianni Remo (in foto), di 62 anni, imprenditore del settore della macellazione ed ex vicepresidente della Reggina calcio. La sentenza è stata emessa dalla Corte d'appello di Reggio Calabria. Remo, difeso dall'avvocato Antonino Curatola, è stato condannato soltanto per concorso esterno in associazione mafiosa, mentre in primo grado gli erano stati contestati i reati di estorsione aggravata dal metodo mafioso e concorrenza sleale, reati per i quali in appello è stato assolto. All'imprenditore, in particolare, veniva contestato di avere tentato di sottrarre a prezzi stracciati allo zio Umberto Remo, con l'aiuto della cosca mafiosa 'Labate' , la sua attività commerciale. Gianni Remo, che aveva già scontato due anni di custodia cautelare in carcere e cinque agli arresti domiciliari, a seguito della sentenza d'appello è stato rimesso in libertà.

ANSA

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Agende Rosse
  • Cosa Nostra
  • Nicola Gratteri
  • Operazione Domino
  • Paolo Borsellino
  • Salvatore Borsellino
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy