Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Vibo Valentia. Il gup distrettuale di Catanzaro, al termine di un processo celebrato con rito abbreviato, ha condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione Emanuele Mancuso, dal giugno dello scorso anno collaboratore di giustizia e primo pentito interno alla potente ed omonima famiglia di 'Ndrangheta di Limbadi e Nicotera, nel Vibonese. Nello stesso processo il giudice ha invece assolto Massimo Vita, 35 anni, di Vena Superiore, frazione di Vibo Valentia, accusato di aver lanciato una bomba carta nel giardino di un imprenditore a scopo di estorsione. Emanuele Mancuso è stato invece condannato per associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, furto aggravato in una gioielleria (sottratti preziosi per centomila euro), detenzione illegale di armi e spari in luogo pubblico. Gli altri imputati dell'operazione antimafia "Nemea" della Dda di Catanzaro hanno invece optato per il rito ordinario ed il processo e' in corso dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia.

AGI

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy