Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Fatta luce su due delitti commessi nel 2007 e 2008

Nell'ambito di un'inchiesta eseguita in sinergia dalla Dda di Milano e Catanzaro, coordinata rispettivamente dai procuratori Francesco Greco e Nicola Gratteri, è stata data esecuzione a un provvedimento cautelare nei confronti di 5 indagati per omicidio aggravato dalle finalità mafiose. I delitti in questione sono quelli di Vincenzo Pirillo, ucciso il 5 agosto 2007 a Cirò Marina (Crotone) e di Cataldo Aloisio, assassinato il 27 settembre 2008 a Legnano (Milano). Le indagini dei Carabinieri del Ros hanno permesso di risalire a mandanti ed autori dei due omicidi accertando che sono stati decisi e maturati in seno all'organizzazione criminale di Cirò Marina nella persona di Silvio Farao e Cataldo Maricola (che sarebbe stato anche l'esecutore materiale dell'assassinio di Pirillo), per punirne l'impropria gestione delle casse del clan. Nello specifico invece, per quanto concerne l'omicidio Alosio (nipote di Pirillo) era stato conseguentemente deliberato ed eseguito da Vincenzo Rispoli e Vincenzo Farao per il timore di una sua vendetta, che avrebbe inevitabilmente destabilizzato gli equilibri dell'associazione mafiosa.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy