Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

uomo di spalleCollaboratore in processo Reggio, 'ci fu incontro a Vibo'
Reggio Calabria. Il boss della 'ndrangheta Giuseppe De Stefano si rifiutò di fornire collaborazione alla mafia che stava per avviare la stagione delle stragi del '93. Lo ha detto il pentito Antonino Fiume, deponendo nel processo che si celebra a Reggio Calabria per gli aiuti alla latitanza dell' ex parlamentare di Fi Amedeo Matacena, rifugiato a Dubai dopo una condanna a 3 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Fiume conosce bene De Stefano perché fu suo autista e spalla destra dopo essere stato per molti anni fidanzato della sorella. "Peppe De Stefano - ha detto il pentito rispondendo alle domande del pm della Dda reggina Giuseppe Lombardo sulle attività del boss - era conosciuto da tutti, qui o a Milano. Aveva poco più di venti anni quando in contrada 'Badia' di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, regno dei Mancuso, agli inizi degli anni '90, in presenza degli stessi Mancuso, di Pino Piromalli e dei rappresentanti della camorra napoletana, negò agli emissari di Salvatore Riina ogni aiuto o coinvolgimento nella cosiddetta 'strategia contro lo Stato'. Non la pensava come lui Franco Coco Trovato, attivo in Lombardia, nonché suocero di Carmine De Stefano, fratello di Peppe, che voleva invece si facesse qualcosa”.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy