Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

19 novembre 2011
Milano. Il gup di Milano ha condannato 110 presunti affiliati alla 'ndrangheta a pene fino a 16 anni, nel maxiprocesso per le infiltrazioni della mafia calabrese al Nord scaturito dall'operazione 'Infinitò del luglio 2010. Tra gli imputati ci sono numerosi boss delle cosche attive in Lombardia. La sentenza del gup di Milano Roberto Arnaldi ha in sostanza confermato in pieno l'impianto accusatorio della Dda di Milano, guidata da Ilda Boccassini, sull'esistenza di una 'cupolà lombarda dell'ndrangheta, con infiltrazioni nel mondo imprenditoriale ed istituzionale. In particolare la pena più alta è stata di 16 anni di reclusione per Alessandro Manno, presunto capo della 'localè di Pioltello, una delle 15 'localì individuate dagli inquirenti tra Milano e i comuni limitrofi. La richiesta di condanna per lui era stata di 20 anni. Cosimo Barranca, presunto boss della cosca di Milano, è stato condannato a 14 anni. L'ex assessore provinciale milanese Antonio Oliverio è stato assolto, come avevano chiesto i pm. Cinque imputati, ai quali non era stato contestato il reato di associazione mafiosa, sono stati assolti, mentre per tre è stato pronunciato il non luogo a procedere perchè già condannati per associazione mafiosa e per un imputato è stata dichiarata l'estinzione per morte del reo.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy