Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

18 novembre 2011
Reggio Calabria. Una grossa fetta della cosiddetta «area grigia», ovvero quella che è composta da professionisti a servizio delle cosche, è stata scoperta nell'indagine che oggi ha consentito l'emissione di 11 ordinanze di custodia cautelare chieste dalla Dda di Reggio Calabria nei confronti di affiliati e prestanome della cosca Tegano-De Stefano. Tra i colpiti dal provvedimento c'è «la talpa» Giovani Zumbo, l'uomo legato ai servizi segreti che dava anche informazioni sulle operazioni in anticipo alle cosche, la moglie Maria Francesca Toscano che è avvocato, la sorella Patrizia Zumbo e il cognato Roberto Emo che è commercialista. Sono interessati dal provvedimento anche il capocosca Giovanni Tegano (già in carcere) e l'imprenditore Giuseppe Rechichi che aveva ricoperto incarichi amministrativi nella municipalizzata Multiservizi. Altri prestanome e fiancheggiatori della cosca sarebbero stati il fratello dell'imprenditore, Rosario Rechichi, e i due figli Antonio e Giovanni Rechichi, oltre a Maurizioe Antonio Mavilla.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy