Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

12 ottobre 2011
Pavia.
Assoluzione con formula piena, perchè il fatto non sussiste. Questa la sentenza emessa nel pomeriggio dal tribunale di Pavia, presieduto dal giudice Cesare Beretta, nel processo a carico di Carlo Chiriaco, ex direttore sanitario dell'Asl, e di Pietro Trivi, ex assessore comunale.
I due erano imputati di corruzione elettorale aggravata: secondo l'accusa, nella primavera del 2009 sarebbero stati 'comprati' con 2mila euro i voti per sostenere l'elezione di Trivi in consiglio comunale. Il pubblico ministero Paolo Storari aveva chiesto per entrambi la condanna a 2 anni, oltre ad una multa di 900 euro. I giudici non hanno ritenuto attendibile la tesi accusatoria, assolvendo i due imputati. L'indagine che ha portato a questo processo è un filone dell'inchiesta più generale sulle presunte infiltrazioni della 'ndrangheta in Lombardia ed in provincia di Pavia. Chiriaco, in particolare, era ritenuto dagli investigatori uno degli esponenti più importanti delle cosche che operavano sul territorio lombardo ed è sotto processo anche a Milano.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy