Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

io sono ritaAppuntamento alle ore 18:00 nell’ambito di «Un mare di libri». Il libro con «documenti inediti, interviste importanti, dichiarazioni dei familiari di Rita, pagine di diario e tanto altro» e «che crea nuovi scenari intorno al suicidio di Rita Atria» anticipa l'editore Rosario Esposito La Rossa. Associazione Antimafie Rita Atria: «è il libro-inchiesta che ricostruisce la sua storia scomoda, tutto quello che, in trent’anni, non è mai stato cercato, chiesto, investigato, scritto. Rita Atria, la ragazzina colpevolmente abbandonata dalle Istituzioni che avrebbero dovuto prendersi cura di lei anche perché sotto tutela»

Cos’è la memoria attiva? Come essere e fare memoria attiva? Si potrebbe parafrasare il film del 1975 per un interrogativo che dovrebbe scuotere le coscienze, svegliare dai torpori dei comodi giacigli e chiamare ad essere e fare impegno. Ancor di più in queste settimane, dense di anniversari, retoriche, cerimonie, oceani di parole, verità di comodo, verità accomodate, verità accomodanti e palchi-poltrone.

Negli anni dei social network proprietari, delle scuole svendute a multinazionali d’oltreoceano, di «moderne tecnologie» che inducono alla passività, delle materie grigie all’ammasso appare impossibile. E avanzano generazioni troppo giovani per ricordarlo. Ma c’è stato un periodo storico in cui l’informatica era libertà, indipendenza, strumento del pensiero e dell’azione, sfida alle leggi del mercato e del Potere.

In cui i computer erano autostrade di libertà, piazze dell’incontro di cervelli pensanti. In cui mettersi di fronte uno schermo ed una tastiera imponeva di ragionare, pensare, sapere. Un verbo quest’ultimo sempre più scomodo e scandaloso tra le Alpi e Malta. In quegli anni c’era chi non si accontentava, parafrasando un celebre manifesto degli anni ottanta e di quei tempi, di «cibo da bambini alla scuola» e di cibi che «erano già stati masticati e senza sapore» e bramava bistecche. Le bramava così tanto da trovarla, scovarla, masticarlo, farne la sua stessa vita.

L’Italia è il Paese delle trame, dei depistaggi, delle verità non vere, di memorie che son cibi liofilizzati (e avvelenati) masticati da sfere alte e meno alte e gettati in pasto alla massa ormai senza sapore. Ma c’è chi si accontenta. E chi va oltre. E, prima ancora di fare, è memoria attiva. Memoria che non si accontenta di rimanere su passi già consumati ma cammina, cammina, costruisce sempre nuovi percorsi e tesse sentieri verso vette inesplorate. Dall’incontro di due di questi cammini, dalla conoscenza e condivisione comuni, è nato un libro dedicato a Rita Atria: «Io Sono Rita. Rita Atria, la settima vittima di Via D’Amelio».

Il libro è pubblicato da Marotta&Cafiero Editori, la casa editrice indipendente open access di Scampia rilevata nel 2010 da Rosario Esposito La Rossa e Maddalena Stornaiuolo dell’associazione Vo.di.Sca. (Voci di Scampia), ed è il frutto dell’impegno e del lavoro d’inchiesta di Giovanna Cucé (giornalista del tg1), Nadia Furnari (fondatrice e vicepresidente nazionale dell’Associazione Antimafie Rita Atria) e Graziella Proto (fondatrice e direttrice della rivista antimafia Le Siciliane/Casablanca).

«A 30 anni dalla morte di Rita Atria stamperemo un volume con documenti inediti, interviste importanti, dichiarazioni dei familiari di Rita, pagine di diario e tanto altro – l’annuncio pubblicato in questi giorni su facebook da Rosario Esposito La Rossa - un volume che crea nuovi scenari intorno al suicidio di Rita Atria. Vi aspettiamo per la presentazione ufficiale l'11 giugno alle ore 18 a Palermo a Una marina di libri. Sono questi i volumi per cui vale la pena fare l'editore!».

Questa la presentazione del libro pubblicata dall'Associazione Antimafie Rita Atria:

«Farò della mia vita anche della spazzatura, ma lo farò perciò che io sola ritengo conveniente”, scriveva Rita Atria nell’ultima lettera – inedita – alla sorella prima di partire per Roma, sotto protezione. Una storia crudele. Una storia che parla di mafia. Una ragazzina in un pezzo di Sicilia spoglio, brullo, povero: Partanna, terra da cui passarono Danilo Dolci e Matteo Messina Denaro. Due opposti: la lotta per il riscatto e il ricatto di Cosa Nostra.

Io sono Rita” è il libro-inchiesta che ricostruisce la sua storia scomoda, tutto quello che, in trent’anni, non è mai stato cercato, chiesto, investigato, scritto. Rita Atria, la ragazzina colpevolmente abbandonata dalle Istituzioni che avrebbero dovuto prendersi cura di lei anche perché sotto tutela. Con la forza dei suoi 17 anni denuncia la mafia del suo paese affidandosi al giudice Paolo Borsellino. Forse con la consapevolezza di una brutta fine che le sarebbe potuta toccare.

Una settimana dopo la strage del 19 luglio del 1992 in via d’Amelio, Rita diverrà indirettamente la settimana vittima di quello stesso massacro».

Tratto da:
wordnews.it

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy