Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I Carabinieri di Partanna e i poliziotti della Squadra mobile di Trapani hanno dato esecuzione ad un provvedimento restrittivo, emesso dalla procura generale presso la Corte d'Appello di Palermo, nei confronti di Rosario Scalia, imprenditore edile pregiudicato. Scalia è stato arrestato e condotto in carcere in quanto deve espiare la pena di 19 anni e 11 mesi di reclusione per aver partecipato, in concorso con altri soggetti, all'omicidio di Salvatore Lombardo, avvenuto la sera del 21 maggio 2009, aggravato dall'aver commesso il fatto al fine di agevolare l'associazione mafiosa Cosa Nostra. All'uomo avevano sparato mentre era all'interno del bar Smart Café sito a Partanna. Furono arrestate diverse persone, tra mandanti e esecutori. Dopo tre gradi di giudizio è stato stabilito che fu Scalia a informare il mandante dell'omicidio sui precisi spostamenti della vittima, in modo da consentire ai killer di portare a termine il proprio incarico. L'arrestato al termine delle formalità di rito è stato tradotto presso il carcere di Termini Imerese.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy