Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Tribunale di Palermo, su proposta del questore di Agrigento, ha applicato la misura della sorveglianza speciale, con obbligo di soggiorno, a carico di Rosario Meli, 73 anni, e Calogero Piombo, 70 anni, entrambi di Camastra, a seguito della condanna, rispettivamente a 4 e 3 anni, in quanto accusati di essere affiliati a Cosa nostra. I due sono stati indagati nell'ambito della operazione antimafia "Vultur", della polizia di Stato, e tratti in arresto il 7 luglio scorso dalla Squadra mobile. Meli, detto "Saro ti puparu", era già stato condannato in via definitiva per fatti commessi nel 1993, quale appartenente alla Stidda, sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per 5 anni. Nel 2012 è divenuto reggente della compagine stiddara di Camastra, occupandosi del racket delle estorsioni nel settore delle onoranze funebri. E' attualmente sottoposto a misura restrittiva a seguito della condanna dell'11 dicembre scorso a 17 anni e sei mesi di reclusione. Su Piombo grava invece la condanna a 13 anni e sei mesi, in quanto ritenuto braccio destro di Meli, mettendo a disposizione i locali della propria tabaccheria per summit. Il Tribunale di Palermo, accogliendo la proposta del questore, ha disposto la decadenza da licenze pubbliche e autorizzazioni di commercio, anche nei confronti dei familiari conviventi.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy