Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.


"Le cause scatenanti della spedizione punitiva sono da ricercare in momenti di frizione che si sono verificati nella giornata precedente della sparatoria dell'8 agosto tra componenti delle due avverse fazioni con contrapposizioni risalenti nel tempo da ricondurre a questioni di controllo mafioso del territorio e delle attività illecite. Per come si sono svolti i fatti per puro caso non sono rimasti coinvolti nella sparatoria anche civili residenti in un quartiere ad alta densità abitativa". Lo ha detto il colonnello Rino Coppola, comandante provinciale dei carabinieri di Catania commentando le indagini che hanno portato all'arresto di 14 persone per la sparatoria di Librino che lo scorso 8 agosto ha causato la morte di due persone e il ferimento di altre sei.
Quel pomeriggio d'agosto a fronteggiarsi in strada a colpi di pistola furono gli affiliati del clan Cappello contro i rivali dei Cursoti Milanesi. Agli indagati sono contestate le accuse di duplice omicidio, tentato omicidio, porto illegale di armi aggravate dall'avere agito avvalendosi del metodo mafioso e per conto dei rispettivi clan.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy