Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il gup del Tribunale di Catania ha rinviato a giudizio per estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti di un commerciante Luciano De Carolis e Andrea Fortuna, indicati dalla Dda di Catania come esponenti del clan Bottaro-Attanasio di Siracusa.
Le indagini, condotte dai magistrati della Procura distrettuale di Catania, hanno avuto inizio dopo la denuncia della vittima, Marco Montoneri, la cui testimonianza, negli anni scorsi, aveva permesso di arrestare sette esponenti della stessa cosca siracusana, tutti condannati in via definitiva.
I due odierni imputati, secondo la tesi della Dda di Catania, si sarebbero recati nell'attività economica del commerciante, che vive in una località segreta, per prelevare uno scooter senza pagarlo. De Carolis, coinvolto in alcune operazioni antimafia, è attualmente sotto processo, insieme al presunto boss, Alessio Attanasio, per l'omicidio di Angelo Sparatore, ammazzato con sei colpi di pistola il 4 maggio del 2001 a Siracusa.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy